*°_I Passi Che Faccio Ogni Giorno Per Arrivare Alla Peferzione_°* << Altezza: 1.66 >>

Diet weight loss

venerdì 11 settembre 2009

Mangiare.


Mangiare.
Cosa vuol dire mangiare? L'atto di mangiare, l'atto di ingurgitare il cibo, di metterlo in bocca, masticarlo, e buttarlo giu facendolo atterrare ormai triturato nello stomaco. Si mangia per nutrirsi, si mangia per noia, per nervoso, e spesso neanche per vera fame.


Mi chiedo come un atto cosi apparentemente normale, possa diventare cosi orrendamente ossessivo e pericoloso.


Eppure è cosi, mi sembra strano, prima di incontrare Ana, mangiavo sempre per ogni ragione, quando avevo fame, quando non sapevo cosa fare ed ero annoiata, quando ero nervosa..ma non avevo problemi col cibo, certo ero piu cicciotta, ma felice.


E allora perchè ora sembra che solo con Ana si possa raggiungere la felicità? Se mi rendo conto che ero piu felice senza di lei, perchè ora sono convinta che per essere felice mi serva? Mi serve per sopravvivere, quando invece serve solo al contrario, mi serve per essere serena, quando porta solo a sofferenza, mi serve per avere un obiettivo, quando il mio obiettivo dovrebbe essere liberarsi di lei una volta per tutte.


Ho un sacco di ricadute. Alterno periodi in cui vivo costantemente con Ana, a periodi che la perdo totalmente, ma sembra quasi che io lo faccia apposta ad allontanarmene, perchè poi, ogni volta che la ritrovo, è sempre piu bello, come ritrovare un amica molto cara che non vedevi da un pò, alla quale prometti di farti risentire presto e rivederti. Questo faccio io con Ana, me ne rendo conto.


Ogni volta che la ritrovo, è un brividino in tutto al corpo, una scarica elettrica, una cosa da pregustarsi per il futuro, la cosa di dire "da oggi ricomincio", gli occhi che a questa decisione si illuminano e la felicità che risorge dentro di me, l eletrizzazione di riaverla, è una sensazione inspiegabile..e ogni volta mi immagino una nuova me, sempre piu magra..ma chissà quando raggiungerò questa famigerata e irrangiungibile magrezza..qual è la magrezza giusta? 52 chili per 1.69 come sono ora? essere sottopeso? No, non è abbastanza. Non ancora.


Ho una nuova voglia di ritrovarla per l'ennesima volta, una voglia inspiegabile, mi sembro quasi una drogata..ma lei mi stà chiamando, e io non posso rifiutare il suo richiamo, la sua voce, che in un modo o nell altro mi dice che solo lei è la salvezza.


Pensavo di averla dimenticata una volta per tutte, ma dovevo capire che una volta incontrata da sola non se ne va mai, se non con l aiuto di professionisti. Ma come posso pretendere io questo aiuto, se ogni volta provo sempre queste sensazioni? Se dovessi abbandonare Ana, sarei quasi invidiosa delle persone che ce l hanno ancora, come se a me fosse stato negato un bene prezioso e inestimabile, un privilegio.


E cosi, ancora, di nuovo, affronto la vita insieme ad Ana, e a dirlo mi viene da piangere, come fosse una condanna all'ergastolo, ma allo stesso tempo sento che è la condanna piu dolce della mia vita, e che il mio ergastolo è LEI.


6 commenti:

  1. parole tue, eh...:
    "quando ..non avevo problemi col cibo, certo ero piu cicciotta, ma felice. (...)
    E allora perchè ora sembra che solo con Ana si possa raggiungere la felicità? (...)
    mi sembro quasi una drogata ..ma lei mi stà chiamando, e io non posso rifiutare il suo richiamo, la sua voce, che in un modo o nell altro mi dice che solo lei è la salvezza".

    Insomma, anche qui, anche tu, anche questa volta: hai già detto tutto TU. Dovresti solo togliere la parola "quasi". Scusa, piccola Sissi, ma è appurato e noto a tutti che "ana" è (LO E'!) una droga, ed è per questo che scatena così tante contraddizioni. E' anche noto che, QUALUNQUE sia la droga scelta, gli addicted diventano sempre terribilmente infelici a causa sua ma CREDONO di nn poterne fare a meno, e si relazionano ad essa come a un amore infelice: mi fa soffrire si, ma la più dolce delle sofferenze, io l'amo ecc...
    tutto questo è confusione e, qdo ci si pone false domande, è anche mancanza di sincerità con se stessi...
    Tutto qua. Nn sei pronta a essere sincera e a fare un salto che ti restituisca la tua libertà.. ma spero per te che quando meno te l'aspetti intuirai ben altre felicità, in ben altre soluzioni... qualcosa di meglio. Hai pur sempre il nome della più famosa delle principesse!

    RispondiElimina
  2. ei :) è la prima volta che commento un tuo intervento.. io ti conosco da quando eri nel passeggino si può dire.. sei stata per 13 anni la mia migliore amica.. e in un certo senso lo sei ancora.. quando tu hai preso questa decisione non ci potevo quasi credere.. ma come, m sn detta.. lei che non ha mai avuto problemi con se stassa.. lei che non si è quasi mai fatta una paranoia.. lei che alle medie diceva sempre di trovarsi carina.. di non volersi cambiare nulla.. ecco cm'è possibile che questa persona adesso sia diventata csì insicura? perchè per quello che sto vivendo anche io lo posso confermare.. ana non è altro che tanta tanta insicurezza.. io sono la prima a sentirne il bisogno.. non perchè forse perchè io sono sempre stata una complessata xD ma tu.. perchè? ti ho vista domenica mentre mangiavi la piadina alla nutella e il budino a casa mia.. e dopo averti sentito dire " cazzo me ne sono già pentita" ti giuro che me ne sono dispiaciuta davvero.. forse perchè so come ti sei sentita.. perchè in questi ultimi mesi lo sto provando anche io.. ma ti dirò.. non sono sicura di voler guarire ora.. però tra poche settimane andrò da uno psicologo/dietista.. e se anche tu vuoi essere aiutata.. non dovrai fare altro che chiedere e affronteremo questa cosa insieme..
    un bacio sissi ti voglio bene

    amore&odio

    RispondiElimina
  3. Io penso che tu già sappia come stanno le cose... e questa consapevolezza è ciò che ti rende libera. Non hai nessun ergastolo, se non quello che ti crei da sola... L'anoressia mente quando ti dice che ti permetterà di raggiungere la felicità, perchè tutto quello che ti ritroverai saranno giorni fatti di ossessione e di vuoto... Ma tu puoi fare una cosa: combattere. Tornare a stare bene con te stessa. Se ce la metti tutta, sono convinta che ce la puoi fare...

    RispondiElimina
  4. ciao Sissi.. bello sai, il tuo commento a anaforever..
    ho visto che sei dei pesci... il segno delle persone più sensibili e delicate che ci siano.
    E poi senti... ho visto il commento della tua amica..sei fortunata ad avere un'amica così, ma ascolta: io credo che in questo momento lei abbia bisogno di te, più ancora che tu di lei. Forse, tocca a te - che hai più esperienza- dirle che su questa strada non ci deve entrare... E magari accettare la sua proposta, andare insieme dallo psicologo.. ? cosa dici?

    RispondiElimina
  5. ana è la condanna più dolce che ci sia... vero..

    ana non mi spinge al suicidio tranquilla... ana nei miei pensieri nn occupa più il primo posto perchè diventata parte di una rutine, come alzarsi e lavarsi la faccia...

    non è per lei che vorrei morire, ma per il mondo che ci circonda, per me stessa...

    spero anch'io (in fondo al mio piccolo e ormai raggrinzito cuoricino) che anche questa storia finisca bene...

    un bacine

    RispondiElimina
  6. ei :)
    volevo al rispondere al commento di michiamomari..
    mi sono piaciute molte le tue parole..
    hai ragione.. in questa cosa io ho bisogno di lei.. ma penso che ormai siamo sulla stessa barca.. a volte penso che sia la persona che mi può aiutare di più, e viceversa.. però non so in un certo senso ci facciamo anche del male a vicenda.. non so lei è l'unica persona cn cui io riesco a mangiare in pace.. ma così non risolveremo mai nulla, andremo avanti ad autodistruggerci..
    però m ritengo anche incredibimente fortunata ad avere un'amica con questo problema.. mi fa sentire meno sola.

    un bacio
    un bacio anche a te sissi :)

    RispondiElimina